PagineVegan, tutto il vegan che vuoi

Green Hill, arrivata la condanna definitiva

4 ottobre 2017

Di Dora Grieco

Green Hill

Quei ragazzi saliti sul tetto per protesta avevano ragione da vendere e ora tutta la verità viene a galla. Sotto i loro piedi c’era uno dei 5 capannoni pieni all’inverosimile di cani beagle –più di 2500, allevati per essere venduti a scopo di “ricerca”. In quei giorni fiumi di persone hanno manifestato per la chiusura dell’allevamento e poi così è stato. Era il 2012, e quell’azione ha portato al sequestro della struttura da parte della Procura di Brescia. Tutti i beagle presenti in quell’inferno hanno subito trovato tante famiglie che li hanno accolti nelle loro case in una gara di solidarietà.

Oggi è stata confermata la condanna per maltrattamento e uccisione di animali a carico di tre imputati, compreso il veterinario. Restiamo in attesa che la giustizia compia il suo lavoro, perché non è certo terminato.

Un pensiero ancora ci perseguita: se l’allevamento fosse stato in regola, quei poveri cani, allevati in un inferno di “lusso”, avrebbero trovato la morte legalizzata in qualche istituto di ricerca, magari per testare una sostanza già ritenuta tossica.

Green Hill, sequestro allevamento, beagle, condanna Green Hill

Questo sito si avvale di uso di cookie tecnici e di terze parti necessari al funzionamento e utili per tutte le finalità illustrate nella Informativa estesa o Cookies Policy. Se vuoi avere maggiori informazioni per proseguire nella navigazione del sito di Pagine Vegan oppure negare il consenso a tutti o solo ad alcuni cookies, consulta la Informativa Estesa o Cookies Policy che segue. Cliccando su Accetta acconsenti uso dei cookies stessi Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi